Crea sito
mentalgassi metalheads_berlino

The Mentalgassi – l’origine del loro nome?

MENTALGASSI: TRE AMICI

Mentalgassi è un collettivo composto da tre street artists residenti a Berlino, conosciuto per l’uso di grandi wheatpastes fotografici incollati su oggetti all’aperto.

Le opere di Mentalgassi sono 100% urbane e attraverso diverse tecniche interagiscono con gli oggetti di strada per creare forme e figure che fanno sorridere i passanti. “Abbiamo scoperto che in realtà stiamo considerando il nostro lavoro come” intrattenimento urbano “: il nostro primo obiettivo è far vedere alle persone il mondo attraverso i nostri occhi e che si spera che questo porti a un sorriso. Mentalgassi insiste sull’anonimato per motivi legali. Questi tre amici si sono conosciuti al liceo all’età di sedici anni e hanno quindi deciso di unire la loro passione per i graffiti con il loro amore per la ritrattistica fotografica.

MENTALGASSI “METALHEADS”

Nel 2007 gli amici hanno creato il loro primo lavoro tridimensionale. Con una fotocamera digitale, Photoshop e una grande stampante commerciale, Mentalgassi ha prodotto vasti ritratti in bianco e nero che hanno poi incollato con carta da parati su alcuni dei cestini per il riciclaggio di Berlino. Le fotografie esposte hanno mostrato molte emozioni ed espressioni del viso che potrebbero lasciare il pubblico confuso e incuriosito da esse. Lo chiamavano Metalheads , e ognuno era in parte arte di strada, in parte scultura, in parte fotografia. I metallari erano ritratti principalmente di famiglie e amici.

“È stato più o meno nel periodo in cui abbiamo finito la scuola che ci siamo interessati alle nuove tecniche dei media – fotografia, stampa, manipolazione delle immagini – e ci siamo chiesti come queste tecniche potessero essere applicate agli oggetti tridimensionali.

mentalgassi metalheads_berlino
mentalgassi metalheads_berlino
L’ORIGINE DEL NOME

La traduzione esatta della parola Gassi è: portare a spasso il cane. Quindi, Mentalgassi in pratica significa che tutti dovrebbero avere la necessità di andare e lasciare che i pensieri corrano liberi. Il nome deriva da una routine che questi tre amici avevano nella loro giovinezza: ogni domenica, di solito dopo aver festeggiato di sabato tutta la notte, si incontravano per portare a spasso il cane di un coinquilino e lasciavano vagare le loro menti.
“Così“ gassi gehen ”è diventato un eufemismo per noi parlare della nostra arte, per aver fatto una specie di viaggio mentale. Da qui l’evoluzione del nostro nome Mentalgassi ”ha spiegato uno del trio.

PUBLIC INTIMACY

Mentalgassi ha realizzato adesivi con facce esilaranti attaccati alle macchinette di convalida dei biglietti della U-Bahn, o una serie di sei fugaci installazioni berlinesi della serie “Public Intimacy”: una cabina fotografica trasformata in un gabinetto, uno specchio della piattaforma del conducente dell’U-Bahn vestito come uno specchio da bagno domestico con mensola, spazzolini da denti e deodorante… La maggior parte di queste installazioni è durata meno di cinque minuti, fino a quando non sono state rimosse dalle autorità. O anche per colpa del pubblico a volte …

mentalgassi_ticket

Mentalgassi create street art to open your eyes.

Mentalgassi, Berlino e il resto del mondo

Come ammette il trio Mentalgassi, Berlino è vitale nel loro lavoro. Questa città ha dato loro la possibilità di giocare con la street art, cosa che non sarebbe mai stata possibile in altre città, come Monaco, dicono.
“I berlinesi o sono molto interessati al nostro lavoro, o non potrebbero interessarsene di meno.”
Con il loro crescente successo, i tre amici iniziarono a esportare il loro lavoro insieme allo spirito anarchico e umoristico di Berlino. A Getxo Photo vicino a Bilbao, in risposta al tema del festival “Elogio degli anziani”, Mentalgassi ha creato volti su palloncini di due metri di diametro e li ha portati alla deriva nel porto.

mentalgassi_opera_porto
mentalgassi_opera_porto
L’attivismo: Amnesty International Project

Nel 2010, Mentalgassi ha collaborato con Amnesty International per portare l’attenzione sul caso di Troy Davis. Troy è stato condannato per l’omicidio dell’agente Mark Allen Macphail nel 1991 a Savannah, Georgia, USA ed è nel braccio della morte da 19 anni. Come mezzo per attirare l’attenzione sul caso di Troy Davis, Mentalgasse e Brothers and Sisters (duo di Lisa e Kirsten) con sede nel Regno Unito hanno sviluppato
installazioni di poster di recinzione lenticolare in tutta Londra. Il progetto del poster intitolato “Rendere visibile l’invisibile” raffigura il volto di Troy Davis dipinto sulle ringhiere della recinzione.

Nel 2011 Mentalgassi ha creato un lavoro che appare in 26 siti in Galles, Irlanda, Germania e Danimarca. Le 6 persone evidenziate in questo lavoro includono Fatima Hussein Badi, che rischia la pena di morte in Yemen dopo un processo iniquo, Jabbar Savalan, che è in prigione in Azerbaigian per il suo pacifico attivismo anti-governativo (compresi i commenti che ha fatto su Facebook), e Natalia Estemirova, un’attivista russa per i diritti umani il cui omicidio non è stato assicurato alla giustizia.

mentalgassi_opera
mentalgassi_opera