Crea sito
agrume_copertina

Agrume – pittore e poeta

Sottilmente, le sue opere si fondono nell’ambiente urbano e mettono in discussione il rapporto che l’uomo ha con gli esseri viventi. Qui sotto riportata un’intervista fatta all’artista Agrume da Jade Vigreux.

Il suo lavoro è composto principalmente da autoritratti; perché? 

Agrume parla del suo lavoro e nello specifico nell’uso di autoritratti e spiega che innanzitutto è per un motivo pratico. A volte è complicato, quando si inizia dal figurativo, trovare modelli; quindi la rappresentazione di sé è stata abbastanza naturale. Spiega che nel tempo la sua immagine non incarna più il suo essere, ma più un personaggio ricorrente, motivo che caratterizza poi anche il su stile artistico. È anche una questione di coerenza; il lavoro di creazione è, per definizione, una sorta di proiezione di se stessi e del proprio carattere. Agrume sostiene che l’arte può aiutare a trasmettere tantissime emozioni e sentimenti.

La natura è il tema centrale dei tuoi suoi lavori

Nel suo lavoro ciò che gli interessa di più è rappresentare il rapporto tra esseri umani e esseri viventi.  Secondo Agrume il nostro rapporto con la natura diventi sempre più difficile e, dipingendo, cerca di sostituire l’umano in un rapporto più umile con il vivente. Nei suoi lavori il tema centrale è la natura e molte volte viene rappresentato un uccello. L’uccello è qualcosa di molto vulnerabile, effimero; il suo volo è rapido e il suo passaggio sfuggente, gli piace la poesia che sprigiona. Agrume si immagina molte volte l’uccello morto e fa eco a certe realtà ecologiche. La vita non è più rispettata e il numero di uccelli continua a diminuire. È una sparizione silenziosa che vuole sottolineare. 

Quali sono le sue fonti d’ispirazione? 

Le fonti d’ispirazione di Agrume sono molte. Prende ispirazione da ciò che vede in giro, da ciò che sente e da quello che legge. Un mix abbastanza denso. Quando sviluppa un’immagine, Agrume cerca di creare significati e simboli, per la sua arte si ispira un po’ anche al pittore belga René Magritte.

agrume opera ritratto wall
agrume opera ritratto
agrume opera ritratto wall
Cosa può offrire lo spazio urbano in termini di potenziale artistico? 

Ha iniziato a fare collage per strada, per essere più a contatto con il pubblico, per raggiungere persone che normalmente non andavano nelle gallerie. Gli piace l’idea di mettere giù i suoi lavori di collage e lasciare che le cose accadano; l’usura, lo sguardo dei passanti… In strada inoltre è possibile trovare anche supporti e luminosità estremamente vari a seconda dei luoghi. Adora adattare la trasparenza dei suoi collage all’ambiente circostante. L’arte urbana può essere un modo per rinnovare il modo in cui ci adattiamo alla nostra realtà.

Temporel: la sua ultima mostra

Con la mostra Temporel, Agrume, dialoga con il tempo. Un dialogo reso possibile grazie a supporti lavorati per età. L’usura del materiale, gli strati di invecchiamento sono un paesaggio in cui dobbiamo registrarci. Dipingere a volte è sostituire il tempo, accelerarlo, materializzarlo. Qui vengono implementati l’apprendimento e l’imitazione dei processi temporali. Incontriamo l’usura della carta vetrata, la ruggine sul metallo, l’incisione, la scriccatura, lo sgretolamento, la carta strappata. Citrus aggiunge una traccia come una parola, nella continuità di una scrittura già presente. Dall’autoritratto nasce una storia spesso intima, ma universale. In risonanza con la forma ci racconta la presenza e l’assenza, la consapevolezza del tempo e la fragilità del vivere.

Le onde del tempo si stanno infrangendo

Afferrano e rilasciano

fatevi avanti e ritiratevi

in un ritmo familiare

L’onda è cieca, insensibile

E il suo sciabordio è fatto di silenzio

Eppure lei balla intorno alle cose,

interferisce, schianta i vivi, danneggia i materiali.

I minuti, le ore scivolano nella schiuma, evaporano

e il loro passaggio crea e offusca, forme senza intralci

Frammento di fragilità sparse là fuori come uno spettacolo

Le onde del tempo si stanno rompendo, di nuovo.

temporel opera agrume
temporel opera agrume
Discrétion: la mostra del 2018

Dall’importanza delle parole si svelano immagini dalle quali emerge un universo, un’atmosfera. Situazioni assurde, a volte acide, toni romantici e atmosfere malinconiche si attraggono e si completano a vicenda. Questa sintesi mette in luce e mette in discussione l’essere umano, la sua natura e i suoi sentimenti, l’infanzia, la solitudine, le rivalità e gli scontri tanto quanto l’effimero, il declino o anche il mondo vivente.

Gli animali selvatici si avvicinano agli umani solo quando dormono,

Discreto come quando ti disperdi nella morte,

Stabilirsi in un paesaggio per essere parte di un tutto

Per il resto dell’essere e dell’avere

Usa la mimica, il travestimento, il camuffamento

Il vantaggio della discrezione è l’osservazione

Avvicinarsi al nulla, toccare l’oblio

Quando la tua ombra ti sostituisce in questo grande spettacolo,

Stai indietro, guarda e interpreta fino al tramonto.

DISCRÉTION opera agrume
DISCRÉTION opera agrume